2031

Fai qualcosa di grande Per te, per l’Italia, per un futuro comune

Tutti i premiati della dodicesima edizione di 2031

16 startup, oltre un milione di montepremi, 12 corporate prize.
Ecco tutti i premiati della finale al Teatro Franco Parenti di Milano

Emozione, passione, energia e tante, tante idee pronte a diventare impresa.

2031, la più importante competition italiana, giunta alla sua dodicesima edizione, ha decretato ben 16 startup vincitrici, abbinate ad altrettanti importanti aziende e multinazionali. Un progetto finalizzato al sostegno reale e concreto dell’innovazione italiana con percorsi e premi per oltre un milione di montepremi.

Le premiazioni si sono tenute al Teatro Franco Parenti di Milano, che ha ospitato la serata grazie ad Andrèe Ruth Shammah, Regista, direttrice artistica, animatrice, organizzatrice di Teatro Franco Parenti.

“Va in scena il meglio dell’Italia – racconta Cristiano Seganfreddo, presidente di 2031, che ha condotto la serata – siamo un gruppo di lavoro straordinario, un vero e proprio ecosistema integrato, pronto a sostenere le idee più interessanti e promettenti. E lo facciamo con tante azioni, tutto l’anno. Perché l’Italia è innovazione, è tecnologia, è creatività e mai come oggi è evidente che esiste un sistema che spinge per il cambiamento. Investire in innovazione è strutturale. Sono le strade del presente”.

Oltre 500 le candidature pervenute sulle quali le tante giurie hanno lavorato per mesi per arrivare a presentare i sedici vincitori.

Questi gli abbinamenti: Premio speciale 2030 Social Impact – Ippocratech – Mash&Co – FamaLabs; Premio speciale Accenture – CityZ; Premio Speciale Cisco – smartFAB; Premio Speciale EY – Museum MIX; Premio Speciale GA.MA. – YMPACT; Premio Speciale Invitalia – Premio Speciale Lendlease – Timelapse Lab; Premio Speciale Microsoft – FOODOC; Premio Speciale Repower – Weabios; Premio Speciale Santa Margherita – Green Independence; Premio Speciale UniCredit Start Lab – AdapTronics – VCD Medical.

Ha aperto le premiazioni Giacomo Marzotto, Direttore Export Canada, LATAM & Travel Retail di Santa Margherita Gruppo Vinicolo. “Abbiamo sempre dato grande importanza alla salubrità dell’ambiente in cui operiamo e all’utilizzo di energia pulita, evitandone il più possibile gli sprechi. Negli anni abbiamo studiato e perfezionato azioni concrete che ci consentono di avvicinarci quanto più possibile all’impatto zero, raggiungendo in alcuni casi la perfetta carbon neutrality. Ed è proprio l’attenzione posta alla salvaguardia del pianeta e alla conversione degli attuali sistemi energetici in sistemi verdi a emissioni zero, che ci portano a conferire il Premio Speciale a Green Independence”; startup che risolve il problema dell’intermittenza delle rinnovabili grazie a un pannello fotovoltaico modulare e multifunzione che è in grado di stoccare il surplus di energia elettrica producendo idrogeno verde da acque di scarto in maniera decentralizzata.

“Siamo lieti di assegnare il premio EY a Museum MIX – Museum Interaction eXperience,” dice Paolo Lobetti Bodoni, EY Consulting Market Leader in Italia, “interessante soluzione che meglio ha saputo cogliere il valore del Web3 e della Realtà Aumentata, mega trend emergenti del mercato per noi rappresentativi di idee imprenditoriali innovative. Museum MIX si è distinta per la sua capacità di promuovere e fruire il patrimonio culturale attraverso la tecnologia digitale a un pubblico più ampio, per l’utilizzo di soluzioni tecnologiche che abilitano la possibilità di creare un’esperienza semplice, interattiva e innovativa.”

“Come Microsoft, abbiamo scelto la startup FOODOC – ovvero un sistema documentale integrato per ottimizzare il processo di Etichettatura Multilingua degli alimenti. Facendo leva su Dynamics 365, l’app è in grado di gestire facilmente le informazioni tecniche di un prodotto alimentare in modo strutturato e controllato, realizzare etichette conformi alle normative, tradurre i contenuti, validarli e stamparli. L’abbiamo reputata una soluzione innovativa per risolvere un problema specifico dell’industria alimentare, generando trasparenza e chiarezza per i consumatori. Siamo colpiti dalla lungimiranza e dalla visione di questo team: la soluzione, infatti, è perfettamente scalabile e potenzialmente applicabile anche ai mercati internazionali” ha commentato Matteo Mille, Chief Marketing and Operations di Microsoft Italia.

Massimo Calzoni, Responsabile funzione “Promozione e Networking” di Invitalia ha annunciato il vincitore del Premio Speciale Invitalia, la startup ScreenNeuroPharm, che sviluppa, realizza, valida e quindi commercializza dispositivi per l’ingegnerizzazione di colture cellulari in vitro per lo screening farmacologico. I dispositivi hanno un eccezionale livello di precisione rispetto alla condizione reale, riducendo, così, la sperimentazione, specie in fase iniziale e generando un considerevole risparmio di tempo e di risorse, sia a livello economico, ma soprattutto di vite animali. Massimo Calzoni ha detto che “Invitalia è sempre più attenta ad affiancare imprese innovative in grado di soddisfare i bisogni e risolvere i problemi dei clienti, non solo guardando alla scalabilità del modello di business e alla sostenibilità economico-finanziaria dell’iniziativa, ma anche a tutte le soluzioni capaci di produrre impatti positivi sull’ambiente sociale ed etico, ad esempio salvando vite umane, o migliorando le condizioni di vita riducendo il ricorso all’utilizzo di vite animali”.

Per la terza edizione del premio speciale 2030 Social Impact Inclusion of All, voluto da Giorgiana Notarbartolo, sono state premiate equamente: FamaLabs, IppocraTech e Mash&Co.

Entrambi Selection Committee e Giuria di 2030 Social Impact hanno riconosciuto il potenziale impatto sociale delle 3 finaliste. FamaLabs, con l’assistente vocale Ysi, si propone d’incrementare l’inclusione a livello della ricerca farmaceutica. IppocraTech, misura con un software e hardware integrati 5 parametri vitali in modo non invasivo, potenziando la medicina preventiva. Mash&Co, con il suo universo creativo, insegna ai bambini i valori del rispetto, dell’inclusione sociale e della sostenibilità.

Enrico Mercadante, Responsabile per l’Innovazione, le Architetture e la Digital Transformation per il Sud Europa di Cisco Italia, ha commentato “la collaborazione con 2031 ogni anno arricchisce il valore di Innovation Exchange, la rete che abbiamo creato in questi ultimi anni per connetterci e collaborare con l’ecosistema delle start up italiane.

In questa edizione abbiamo deciso di premiare la startup smartFab: la soluzione di Augmented Analytics può aiutare le aziende manifatturiere a dare valore, e comprendere i dati in maniera funzionale al business, accompagnando la trasformazione digitale del settore manufatturiero strategico per il nostro paese”.

Per il premio Speciale GA.MA., il family Office di Gaetano Marzotto con i figli Matilde, Giacomo e Lavinia, è stata premiata la startup YMPACT da Giacomo Marzotto che ha affermato: “ci è piaciuto particolarmente perché è una soluzione digitale molto innovativa creata per il settore fashion and luxury a noi molto caro. Ci ha colpito la pulizia e la freschezza di questo progetto che, grazie all’approccio olistico sulla valutazione della sostenibilità, potrà aiutare molte imprese a innescare e velocizzare questo aspetto ormai prioritario e indispensabile.”

Per il premio Speciale UniCredit Start Lab, sono stati conferiti due premi. Francesca Perrone Head of ESG & Start Lab Italy, UniCredit, ha dichiarato “Abbiamo deciso di premiare AdapTronics per l’impegno nel rendere il settore della logistica più sostenibile e per l’ambizione di elaborare soluzione in un ambito, quello spaziale, quasi inesplorato. Ci ha colpito in particolare la tecnologia fortemente innovativa brevettata dalla startup, che permetterà interazioni fino ad oggi impensabili con oggetti di qualsiasi forma, dimensione e materiale.” Mentre per il secondo premio “VCD Medical è una soluzione ad un problema reale, nell’ambito del trattamento delle patologie venose croniche. Siamo sicuri che il dispositivo innovativo ideato dalla startup potrà migliorare la vita di molti pazienti, risolvendo le problematiche e limitazioni dei trattamenti esistenti”

Sandro Bacan, Accenture Innovation Lead Italy, Greece and Central Europe afferma “abbiamo scelto CityZ perché cerca di risolvere un problema complesso, con una soluzione semplice e molto pratica, integrando soluzioni hardware e software, che per noi è diventato un tema chiave; infine, ci ha colpito il team molto giovane e fortemente motivato.” La startup si occupa dell’installazione, senza interventi strutturali, di sensori innovativi, associati alle reti IOT, per rilevare la situazione degli stalli di sosta delle città e di conseguenza migliorare le condizioni del traffico, della mobilità e ridurre l’impatto ambientale del centro urbano.

“Siamo davvero felici di aver dato questo premio a TimelapseLab”, afferma Tommaso Boralevi, Presidente di Federeted Innovation @MIND, “TimelapseLab offre infatti un servizio fondamentale per il controllo dei cantieri e per la sicurezza dei lavoratori, che sono temi a cui Lendlease è particolarmente legata. In più propongono varie features innovative, a esempio l’integrazione dei file video da loro prodotti con BIM, l’assenza di manutenzione, l’integrazione di intelligenza artificiale per il riconoscimento di comportamenti indesiderati, l’auto oscuramento dei volti delle persone riprese, che sono esempi concreti di quello che dovrebbe essere il cantiere della città del futuro.

Speriamo davvero di poter collaborare insieme a loro, e poter utilizzare presto la tecnologia nei cantieri del progetto MIND.”

Per il Premio Speciale Repower, Fabio Bocchiola Amministratore Delegato di Repower Italia ha premiato Weabios “per le grandi potenzialità di una tecnologia che può trovare molte applicazioni, capace di contribuire alla sviluppo di nuovi settori, mettendo al centro l’uomo e la fruizione di queste nuove esperienze, come il metaverso”. Weabios propone smart textile che siano davvero indossabili! Sensori innovativi, non invasivi e indossabili, per monitoraggio in sport, moda e medicale; con alta vestibilità e adattabilità, personalizzabili nel design e utilizzo, a basso impatto sulla vita degli utenti.

Per il 2031 Startup Award, il premio dei premi di 2031, che è stato conferito alla miglior startup dell’anno della piattaforma 2031, si sono susseguiti 5 pitch delle finaliste che sono state selezionate da un comitato di selezione guidato da Danilo Mazzara, Principal strategy di Accenture. Le cinque startup che hanno avuto l’opportunità di salire sul palco sono state AdapTronics, Algor Education, Around – Reusable packaging as a service, VCD Medical, Xnext, sono state votate in diretta dal pubblico e la vincitrice del riconoscimento è VCD Medical.

Danilo Mazzara a seguito della vittoria commenta: “siamo molto felici della nomina di VCD Medical perché offre una soluzione innovativa che può incidere sul miglioramento della qualità della vita di milioni di persone, fa leva su solide basi scientifiche e infine è guidata da una squadra fortemente motivata”.

Infine, è stato conferito il grant da 50.000€ per il Premio dall’idea all’impresa, in memoria di Margherita Marzotto, ad Algor Education, la web app inclusiva per creare mappe concettuali online in modo semplice ed efficace con il supporto dell’AI, a partire da documenti o parole chiave.

Salvatore Majorana, presidente della giuria che ha selezionato la startup vincitrice, dichiara: “Ieri sera abbiamo visto uno dei momenti più belli del circuito dell’innovazione italiana, una nuova edizione della finale del premio 2031, costruito su oltre un decennio di lavoro del Premio Gaetano Marzotto. Trovarsi a lavorare con oltre 26 Acceleratori, Incubatori e Parchi Scientifici e giurati che rappresentano un riferimento per il comparto, da un lato, e con decine di startup ad altissimo contenuto innovativo, dall’altro, è una esperienza formativa che restituisce una iniezione di fiducia su cosa questo Paese è capace di generare in termini di innovazione. Premiare Algor Education con il premio istituito da Margherita Marzotto è stato per noi tutti un privilegio, non soltanto perché si è scelto chi ha deciso di innovare il campo della formazione, prezioso sia per i giovani che per chi sempre più spesso dovrà trovarsi ad affrontare processi di reskilling e upskilling nel modo del lavoro, ma soprattutto perché tra le moltissime idee di grande valore abbiamo potuto dare spazio ad uno dei desideri di Margherita che, prima di spegnersi qualche mese fa, aveva tra i suoi pensieri proprio questo premio e l’impatto che avrebbe potuto avere sulla società.”

La serata ha visto alternarsi sul palco anche i giornalisti Eleonora Chioda e Giovanni Iozzia, l’architetto Italo Rota, il filosofo Leonardo Caffo e il direttore di InnovUp, Giorgio Ciron.

La piattaforma 2031 è un’iniziativa promossa da Associazione 2031 con Italian Tech ed è organizzata da Agenzia del Contemporaneo.
Con il patrocinio: AgID – Agenzia per l’Italia Digitale; Ministero del lavoro e delle politiche sociali.
Main Partner: Cisco; Lendlease, Repower, UniCredit Start Lab.

Digital Partner: Fondazione Italiana Accenture.
In collaborazione con InnovUP – Italian Innovation & Startup Ecosystem.
Supporter: AIFI – Associazione Italiana del Private Equity Venture Capital e Private Debt; Bocconi4Innovation; Club degli Investitori; Confindustria Giovani Imprenditori; Cultura Italiae; CUOA Business School; Economy Up; Federated Innovation @Mind; IAG – Italian Angels for Growth, Jacobacci & Partners; M31; Observa Science in Society; Rainmakers meaningful innovation; Startup Business.
Donors: Margherita Marzotto; Veronica Marzotto; Gaetano Marzotto.